PlayStation Pro: 13 Giochi VR ottimizzati già al lancio

0

Il 10 Novembre sarà il giorno di lancio della PlayStation Pro, che permetterà di eseguire i giochi in modalità più avanzate con una serie di miglioramenti, inclusi quelli dedicati al visore per realtà virtuale PSVR. Il ciclo di vita delle console è tipicamente lungo, pertanto sia Sony che Microsoft hanno introdotto una versione migliorata delle loro attuali console per colmare il gap tecnologico tra generazioni di console senza variazioni tali da potersi definire un nuovo sistema. Non vedremo l’interpretazione di Microsoft (Xbox Scorpio) fino al 2017, ma la console di Sony sarà lanciata già la prossima settimana. La domanda è: come gli sviluppatori sceglieranno di utilizzare la potenza extra messa a disposizione, e quali benefici ne otterranno gli utenti VR?

Insieme al lancio Sony ha annunciato una lista di titoli già pronti per sfruttare i miglioramenti della PS4 PRO, e diversi di questi sono proprio titoli VR.

  • Battlezone
  • Bound
  • Call of Cuty: Infinite Warfare
  • DriveClub VR
  • PlayStation VR Worlds
  • Rez Infinite
  • RIGS Mechanized Combat League
  • Rise of the Tomb Raider
  • Robinson: The Journey
  • Super Stardust Ultra
  • The Playroom VR
  • Thumper
  • Until Dawn: Rush of Blood

Esattamente quale tipo di beneficio vedremo applicato alla VR non è dato saperlo, si pensa che la potenza extra possa essere utilizzata per applicare il super sampling, uno dei miglioramenti visivi che più incide sui titoli VR, come già si è visto per i titoli di VIVE e Oculus qualora la potenza della scheda video lo renda possibile, si tratta in pratica di elaborare ogni fotogramma ad una risoluzione più alta di quella nativa e poi ridurla prima della visualizzazione, cosa che aumenta in modo significativo i dettagli percepiti.

La PlayStation 4 Pro monta un SoC (system on chip) di AMD migliorato, una migliore GPU e un clock di CPU più alto, tutto questo permette di arrivare ad un picco di potenza di 4.2 Teraflops, confrontati con i “soli” 1.84 Teraflops della PS4 originale. In termini di capacità grafica si tratta di un salto notevole, che andrà ad incidere maggiormente proprio sui titoli VR, notoriamente affamati di potenza di calcolo.