La nuova versione di VorpX migliora il supporto ai giochi non-VR con Direct VR Settings Optimizer

9

VorpX è un driver che permette di riprodurre i titoli non pensati per la realtà virtuale all’interno di un visore VR come Oculus Rift o HTC Vive. La versione 17.3.0 introduce una nuova funziona chiamata “Direct VR Settings Optimizer” che regola automaticamente molti titoli per ottenere le prestazioni VR ottimali.

Prima di andare avanti sia chiaro che pur essendo VorpX un eccellente e sofisticato prodotto non farà il miracolo di trasformare un gioco non progettato per la VR in un titolo nativo, con la possibilità di muovere mani e corpo all’interno dell’ambiente virtuale, ma per alcuni titoli sarà possibile adattare in modo quasi perfetto le scene 3D in modo da poterli giocare “da dentro”, muovendovi immersivamente in quegli ambienti che fino ad ora avete giocato solo su un piatto e ristretto monitor. Mani e armi saranno con buona probabilità sempre fissati alla vostra visuale, perché così prevedeva il gioco originale, ma il personaggio in prima persona sarete comunque voi, vi guarderete attorno muovendo la testa e le scene acquisteranno il realismo visivo tipico che contraddistingue la VR.

Pur esistendo molti ottimi giochi VR nativi, difficilmente questi possono raggiungere oggi lo spessore e la varietà di contenuti di un gioco tripla A sviluppato con tempi e budget sconosciuti alla stragrande maggioranza dei titoli VR, anche quelli più di grido. Per questo motivo qualcuno potrebbe trovare quantomeno interessante rigiocare in questa nuova prospettiva titoli come Bioshock o Borderlands 2

VorpX, che è stato rilasciato la prima volta ai tempi dell’Oculus DK2, oggi supporta Oculus Rift e Vive, ed è in grado di convertire giochi basati su DirectX 9, 10 e 11. All’interno del gioco i controller di movimento dei visori VR vengono rimappati per supportare i comandi tipici, mouse e tastiera, dei giochi tradizionali, oltre a permettere di gestire le moltissime opzioni del software, compresa una modalità cinema utile per guardare le cut scene, o semplicemente per giocare in 3D stereoscopico su un grande schermo virtuale dentro al nostro visore VR. In particolare quei giochi per i quali non è possibile un riadattamento ottimale o per i giochi in terza persona.

La nuova funzione “Direct VR Settings Optimizer” offre una configurazione con un solo click per oltre 90 giochi, impostando per esempio il FOV (campo visivo) perfetto, responsabile del senso di presenza nella scena VR. La risoluzione e l’aspect ratio vengono inoltre forzati in un formato adatto ai display dei visori VR.

VorpX ha profili preimpostati per oltre 200 giochi ed altri ne vengono aggiunti continuamente. Un elenco dei titoli con il livello di compatibilità è disponibile a questo indirizzo.

VorpX viene venduto a 29.99 Euro direttamente sul sito dell’autore