VENICE IMMERSIVE | Elele: la recensione

0

Quest’anno Biennale College ci ha regalato un’altra infilata di opere prodotte proprio da Venezia: Elele, di Sjoerd Van Acker, è una di queste.

Completamente basato sull’hand tracking di Quest 2, Elele ci posiziona in un punto fisso di un ambiente astratto, costringendoci a muovere le mani in una performance di danza, che proporrà – nel corso dei suoi circa sei minuti di durata – più di un risvolto inaspettato. Il primo è che, accompagnati da un brano originale di Max Cooper, le nostre mani andranno via via a moltiplicarsi, dando vita a un’orgia di movimenti e colori, che riesce quasi a restituire la sensazione di un club pieno di gente, nonostante la solitudine della nostra performance. Il secondo colpo di scena, figlio un po’ del turning point a la Journey, è invece che – in realtà – la nostra performance non si sviluppa completamente in solitaria.

Eppure, nonostante le premesse, i sei minuti di Elele risultano comunque eccessivi rispetto a quello che Sjoerd Van Acker ha da dire nel contesto, che avrebbe beneficiato di un’esperienza più concisa, e forse più chiara nell’esposizione del secondo colpo di scena.

Un’operazione interessante, che ha dalla sua un’idea eccezionale sul lavoro con l’hand tracking, ma che si perde un po’ nel nulla via via che ci si avvicina alla sua conclusione. Un buon concept, ancora da sviluppare.




Iscrivetevi al nostro canale Telegram per restare sempre aggiornati sulle ultime novità e stare in compagni di appassionati come voi!
Link: Gruppo VR-ITALIA

Supporta VR-Italia, visita il nostro store su Amazon, trovi tutti gli accessori necessari per godersi appieno la realtà virtuale e tante altre idee!
https://www.amazon.it/shop/vritalia

Acquista META QUEST 2 AL SEGUENTE LINK
Modello 128GB: https://amzn.to/3ukjkM3
Modello 256GB: https://amzn.to/3iE8paj

Acquista Reverb G2: https://amzn.to/38KW7JY