Quest 2 già a 90Hz con Virtual Desktop

0

Guy Godin, sviluppatore di Virtual Desktop, fa sapere che è stato sufficiente cambiare una linea di codice nel suo popolare software per consentire ai contenuti PC VR di funzionare a 90Hz sul Quest 2, tramite la consueta connessione wireless via Wi-Fi

La prima versione del Quest era limitata a 72Hz, mentre Oculus Rift S funziona a 80 Hz. Il primo Oculus Rift del 2016, però, come il suo diretto concorrente HTC Vive, funzionava a 90Hz, considerati la frequenza ideale per un’esperienza fluida. Altri visori di fascia più alta arrivano a 120Hz e oltre. Una delle caratteristiche più pubblicizzate di Quest 2 è stato il ritorno di un visore Oculus ai 90Hz, a scelta degli sviluppatori, che potranno comunque continuare ad usare i 72Hz qualora sia utile a migliorare le prestazioni.

Facebook fa sapere che al lancio sarà già possibile usare il software di sistema, come la Home e il Browser, a 90Hz, dopo averlo abilitato nelle funzionalità sperimentali delle opzioni, con l’obbiettivo di farla diventare la modalità di default nel corso di quest’anno. La possibilità per gli sviluppatori di inviare applicazioni a 90Hz seguirà subito dopo il lancio, come pure verrà data agli utenti la possibilità di selezionare 72Hz o 90Hz durante l’utilizzo di Oculus Link, la soluzione cablata via USB di Facebook per l’utilizzo dei giochi PC VR su Quest.

Anche Facebook sta lavorando ad una soluzione wireless chiamata “Air Link”, ma le opinioni in merito all’interno dell’azienda sono discordanti, dato che se per alcuni utenti l’accesso via Wi-Fi può risultare più che soddisfacente, per altri, in determinate situazioni, può risultare penalizzante per l’esperienza, con il rischio di creare dei feedback negativi. Per questo stessa ragione neppure la versione abilitata a queste funzionalità di Virtual Desktop viene al momento approvato sullo store ufficiale di Facebook, che quindi dovrà essere installata passando per lo store alternativo SideQuest