Nel corso di queste ultime settimane si sono susseguiti rumor e leak che riguardavano tutti una nuova revisione dell’Oculus Quest in arrivo a breve. Ha iniziato Bloomberg a maggio, parlando di un nuovo visore Oculus standalone che doveva uscire addirittura quest’anno. A rincarare la dose ci ha pensato poi la Nikkei Asian Review, che circa 10 giorni fa ha fatto riferimento all’inizio della produzione di un nuovo visore Oculus entro fine mese. Infine giusto qualche giorno fa il leaker WalkingCat ha twittato un’immagine di quello che sembra essere l’aspetto di un nuovo Oculus Quest. Se è vero che tre indizi fanno una prova, allora possiamo dire che è praticamente certo: l’Oculus Quest 2 è realtà, e il momento in cui potremo metterci le mani sopra non sembra essere molto lontano.

Ancora WalkingCat…

E’ ancora il famoso leaker che rincara la dose, e sempre su twitter posta una nuova immagine, questa volta mostrando la parte posteriore del visore, con la forma delle lenti ben visibile. Ma è il titolo del post che questa volta scatena le indiscrezioni: un criptico “15 Sept” seguito da un’emoticon. Vuole forse dirci che la presentazione ufficiale del visore sarà il 15 settembre? Probabile, visto che in quel periodo si terrà l’Oculus Connect 7, quest’anno solo in digitale. Oppure il 15 settembre il nuovo Oculus Quest sarà già disponibile per l’acquisto? Forse meno probabile, se come scritto dalla Nikkei Asian Review la produzione inizierà solo a fine mese. Ma il leaker non si ferma qui: giusto poche ore fa ha pubblicato un nuovissimo tweet in cui ci mostra in maniera più dettagliata la forma delle lenti.

Esse sembrano essere molto più grandi rispetto a quelle attuali del Quest, forse per abbracciare un range più alto di valori dell’IPD. Il classico regolatore per la distanza interpupillare sembra infatti ancora assente, anche se proprio in mezzo alle lenti sembra esserci una piccolo interruttore con impresso il numero 2. Che sia proprio questo il nuovo regolatore dell’IPD? Oppure serve per avvicinare le lenti più vicino agli occhi e migliorare il FOV per chi gioca senza occhiali? Le lenti infatti sembrano inserite in un frame molto più sporgente, che sembra quasi potersi muovere all’interno della scocca. Solo i primi hands-on probabilmente ci diranno la verità.

Spuntano online le prime foto

Se le immagini di WalkingCat sono probabilmente dei render, quelle che ci mostra il portale UploadVR sembrano essere invece le prime foto di un prototipo reale. Confermata quindi la doppia colorazione bianco-nera, con le telecamere posteriori posizionate diversamente rispetto al Quest attuale, ed uno strap molto più simile a quello dell’Oculus Go. Il visore sarà completamente in plastica e dall’aspetto anche leggermente più compatto. Speriamo che il difetto più grande del Quest, ovvero il suo peso, sia stato ridotto con questa versione. Ancora presenti invece gli altoparlanti integrati negli strap, in maniera del tutto simile a quella attuale.

Anche i nuovi Oculus Touch (nome in codice Jedi) sembrano stati revisionati rispetto all’ultima versione. Più che una forma innovativa, Oculus sembra voglia tornare al passato, proponendo un’ergonomia molto più simile a quella dei touch del Rift CV1. Rimane verso l’alto la posizione dell’anello, fondamentale per il tracking inside-out.

Ovviamente prendete tutto quello che è stato detto come semplici speculazioni, basate su foto e render che come vedete non sono neanche ad altissima risoluzione. Anzi se avete notato qualche dettaglio che a noi è sfuggito, o volete semplicemente dire la vostra, scrivete pure nei commenti!