L’API standard VR/AR del Gruppo Khronos, OpenXR, annunciata durante la Game Developers Conference lo scorso anno, sarà mostrata con una demo di Unreal Engine VR sui visori VR di StarVR e di Microsoft, Windows ‘Mixed Reality’, durante il Siggraph 2018, che si terrà a Vancouver, in Canada, dal 12 al 16 agosto.

OpenXR è progettato per semplificare lo sviluppo di applicazioni VR e AR per gli studi che sviluppano sull’ampia gamma di visori e controller presenti oggi sul mercato. La sua interfaccia è in grado di adattarsi automaticamente alle diverse specifiche di questi dispositivi senza chiedere agli sviluppatori di dedicare grandi quantità di tempo a gestire tutto manualmente. Il gruppo comprende oltre 140 membri, con player importanti come Google, Sony, Valve, HTC, Samsung, Magic Leap, Oculus, AMD e Nvidia, tra gli altri.

I visori StarVR e Windows possiedono specifiche molto diverse. Il visore di Microsoft, ad esempio, è uno dei pochi dispositivi VR ad offrire attualmente un sistema di tracciamento inside-out e può eseguire applicazioni separate dagli ecosistemi SteamVR e Oculus su PC. StarVR, invece, è destinato a soluzioni commerciali e offre un campo visivo (FOV) e una risoluzione dello schermo più elevati rispetto a molti altri dispositivi VR, nonché il supporto per una vasta gamma di periferiche. I due visori, quindi, dovrebbero rappresentare un buon esempio di come lo sviluppo della VR può essere semplificato operando su due dispositivi molto diversi.

Il prossimo passo nella tabella di marcia di OpenXR è una versione provvisoria per gli sviluppatori, da testare tramite un programma pilota prima di un lancio completo in un secondo momento. Le date per entrambi non sono ancora state annunciate.