Come anticipato in questo articolo, Pimax aveva programmato una demo pubblica per i suoi nuovi visori VR 8K e 5K a San Francisco, il 5 Ottobre. Alcuni tra i fortunati che hanno potuto presenziare hanno già iniziato a riportare le loro impressioni nei vari canali social del web. L’utente critters di Reddit ha riportato una lunga recensione. Quella che segue è la traduzione del resoconto di quella giornata. 

 

Prima di tutto un po’ di informazioni necessarie a dare un po’ di contesto alla mia recensione. Ho posseduto il DK1, il DK2, e al momento uso un Oculus (coi i Touch) nel mio ufficio per le esperienze da seduto (per lo più giochi di guida o applicazioni come Virtual Desktop o Big Screen), e un HTC Vive nel mio soggiorno di 2,5 x 1,8 metri per le mie esperienze room scale. Ho aggiornato il mio Vive con la Deluxe Audio Strap e il nuovo cavo slim 3 in 1.

Ho appoggiato il kickstarter, ordinando il visore 8K, pianificando di utilizzare i miei controller Vive e le stazioni base. Ritengo sia importante citare questo aspetto a causa di un pregiudizio cognitivo che viene chiamato “razionalizzazione post-acquisto“. È possibile che il mio sostegno possa aver influenzato la mia esperienza, ma farò del mio meglio per essere onesto sia con il visore Pimax che con l’Oculus e Vive che possiedo attualmente

Il setup

La demo Pimax si è svolta in un ufficio a San Francisco e consisteva in due delle loro stazioni base, un controller, il Pimax 5K con il modulo per l’hand tracking (suppongo un Leap Motion) e il visore Pimax 8K senza il modulo per il tracciamento delle mani. Entrambi giravano su un computer portatile con una GTX1080, non è stato riferito nessun dettaglio sulla CPU o sulla RAM, ma data la GPU utilizzata suppongo fossero adeguati. Circa 15 persone hanno preso parte alla demo, durata 2 ore

Pimax utilizza la tecnologia di Valve, il che significa che è possibile utilizzare le stazioni lighthouse e i controller esistenti. Si può optare per i le loro lighthouse e controller in bundle con il visore nel caso non non le possediate già.

Il termine “8K”

In alcuni post passati su questo visore c’è chi ha storto il naso riguardo la definizione 8K. “8k” si riferisce alla risoluzione orizzontale dei display combinati che sono 2*3840×2160 (7680×2160 combinati). Un televisore o monitor 8K sarebbe in genere 7680×4320, quindi il numero “8” in questo caso si riferisce alla risoluzione orizzontale corrispondente a quella di un display 8k 16:9

Posso capire perché alcune persone fossero così allarmate. Nel mondo dei monitor/TV “4k” significa 2×2 1080 e “8k” è 2×2 “4k”. Ma questo è 2×1 “4k”, quindi ha la metà dei pixel di un 8k, e se la scuola mi ha insegnato qualcosa la metà di 8 è 4… ma questo visore ha 2 x “4k” schermi, e 2 x 4 fa 8. Tutto molto confuso, vero?

Personalmente ritengo che questo sia comunque il modo corretto di indicare, ad alto livello, la risoluzione dei visori VR (che appunto non sono televisori – NDR)

Sia il 5K che l’8K erano alimentati da un segnale 4K (2 x 2K) dal computer portatile, che poi viene ridimensionato alla risoluzione dei rispettivi display. Questa demo è stata fatta via HDMI, ma la versione finale del visore userà Displayport. Questa risoluzione in ingresso ridotta, combinata con la rapida commutazione tra occhio destro e occhio sinistro (150/180 volte al secondo) è il motivo per cui un visore “8K” è in grado di funzionare con una GTX980/1070 come specifica minima.

Nessuna delle 15 persone presenti alla demo, me compreso, ha notato uno sfarfallio da questo rendering alternato che Pimax chiama “Brain Warp” (maggiori informazioni sulla loro pagina Kickstarter)

Pimax ha una versione in sviluppo del visore chiamata “8K X” che (mediante due cavi Displayport) accetta la risoluzione nativa del display di 7680×2160 senza ridimensionamenti… Ma che verrà spedita più tardi delle altre e che richiede uno SLI di 1080Ti (o la generazione successiva) per funzionare!

Il visore 5K con il tracciamento delle mani

Il primo ad essere provato è stato il Pimax 5K con il loro modulo di hands tracking installato sotto il visore e il gioco Magic Mirror in esecuzione sul computer portatile. Il modulo si collega alla parte inferiore del visore tramite una porta USB-C e due viti (e nessun cavo). E’ molto sottile e si integra perfettamente con il design del visore. Mi è stato detto che il FOV del sensore per il tracciamento delle mani di Pimax è di 180°, rispetto ai 150° del Leap Motion. Nessun dato riguardo al FOV verticale.

Il 5K era dotato di uno schermo OLED (ma il modello che verrà spedito avrà un LCD identico al 8K, per cui questa parte va riferita solo alla demo – NDR ) che è il motivo per cui hanno scelto una demo con molto nero, e in effetti i neri erano MOLTO neri. E’ stato difficile osservare la nitidezza a causa della natura particellare e molto movimentata della demo, ma il tracciamento delle mani era sorprendente. Non ho mai usato personalmente il Leap Motion, ma un ragazzo che ha partecipato alla demo ha detto che questo era migliore.

Non c’è mai stata una situazione con il 100% di bianco o il 100% di nero nella demo di Magic Mirror, ma le particelle erano abbastanza luminose e posso segnalare che non ho notato nessun “god ray” o bagliore, una cosa che ho sempre notato istantaneamente sia con Oculus che con Vive nelle scene ad altro contrasto.

Il visore 8K

Passando al visore 8k, hanno eseguito il gioco Fruit Ninja e ci hanno consegnato il loro prototipo del controller. L’8K utilizza le stesse lenti ed in apparenza è esattamente identico al 5K, ma a differenza di quest’ultimo i display utilizzati erano gli LCD personalizzati a bassa persistenza (chiamati CLPL, che saranno forniti su entrambi i visori nella versione definitiva – NDR )

Siccome Fruit Ninja è un gioco abbastanza luminoso e colorato sono stato in grado di osservare meglio sia il FOV a 200° del visore, sia le prestazioni dello schermo. Prima di tutto sono felice di poter dire che hanno risolto i problemi di distorsione ai bordi che alcuni avevano riportato nelle loro recensioni di test su prototipi precedenti. C’è ancora un po’ di distorsione attorno ai bordi, ma mi è stato detto che verrà sistemato con la prossima versione delle lenti e una modifica al software prima della spedizione. Dopo un po’ che giocavo ho iniziato ad ignorare la distorsione e mi sono focalizzato solo sulla risoluzione.

Non ero in grado di vedere NESSUN effetto screen-door, aberrazione cromatica, o sub pixel, guardandomi attorno nello spazio di Fruit Ninja e tenendo la spada vicino al mio viso. Potevo guardare a destra e a sinistra fino al limite della mia capacità di muovere gli occhi e l’immagine era nitida, ed è stata una sorpresa. Come con il 5K non ho notato raggi o bagliori, ma era una scena luminosa per cui non mi aspettavo di vederne molte in ogni caso.

Quando il frutto è volato e la mia spada l’ha tagliato non ho notato nessun effetto ghost o sbavatura nel movimento.

Finite le demo ho chiesto se potevamo lanciare Big Screen per guardare una pagina web. Per la prima volta sono stato in grado di leggere l’orologio nell’angolo in basso a destra della barra delle applicazioni di Windows e il testo nella barra delle URL del browser, in modo chiaro con le impostazioni di zoom predefinite di Big Screen. Su Oculus ho bisogno di ingrandirlo o avvicinarmi per leggere il testo di piccole dimensioni. Non credo possa essere ancora una valida alternativa ad un monitor, ma penso sia totalmente utilizzabile per la navigazione web tranquilla, la messaggistica, la lettura e la risposta alle e-mail. Anche se non siamo riusciti a provarne nessuno, immagino che i film siano incredibili e non vedo l’ora di provarlo con il cinema virtuale di Big Screen.

Il controller

Non credo che sia giusto commentare il loro controller per alcuni motivi: 1) Il controller che abbiamo usato era un prototipo, in qualche punto era persino tenuto insieme con del nastro. 2) hanno in programma di spedire un controller con un nuovo design che riprende alcune caratteristiche dei prossimi controller Knuckles di Valve. 3) Fruit Ninja non usa nessun pulsante quindi non ho premuto nulla. Posso dire che il tracciamento è buono quanto quello del Vive, come ci si poteva aspettare dal momento che usa la stessa tecnologia e ha lo stesso aspetto dei controller Vive.

Comfort

Questo vale per entrambi i modelli in quanto differiscono solo nel display. I supporti erano in tessuto come nel Vive, ma dal momento che hanno raggiunto uno dei loro stretch goals su Kickstarter la versione finale verrà spedita con un cinturino rigido simile al Deluxe Audio Strap di Vive. Tra questo e la breve durata della demo non riesco a dare un’impressione completa del confort a lungo termine… ma direi che era almeno buono quanto il Vive e, per la mia testa grande, meglio dell’Oculus che trovo dia un po’ fastidio sui lati. La spugna facciale era morbida e l’unità più leggera del Vive, per cui nutro grandi speranze riguardo al confort nelle lunghe sessioni.

Anche se non riguarda il confort, accenno al fatto che c’era un piccolo spazio attorno al mio naso, ho potuto inclinare la testa indietro e sbirciare il mondo esterno, ma giusto un po’.

Conclusioni

PRO

  • La qualità della combinazione di schermi e lenti è esageratamente lontana da quella dei concorrenti Oculus e Vive. Nessuno screen-door, poco o nulla in termini di raggi o bagliori. Nessuna aberrazione cromatica o onde tipiche di una lente di fresnel, nessun sub pixel visibile, nessuna sbavatura evidente.
  • Nonostante l’aspetto ingombrante, il visore è leggero, apparentemente più leggero del Vive, e non si è mai mosso mentre la testa girava velocemente.
  • Il FOV da 200° è qualcosa da cui non sarete più in grado di tornare indietro, ora usando il mio Oculus mi sento come se stessi guardando il mondo attraverso una maschera da sub!
  • Il modulo di tracciamento delle mani funziona bene e si integra bene con il visore.
  • Verrà lanciato con moduli opzionali tra cui il tracciamento delle mani, gli inserti per le lenti correttive, ventole per il raffreddamento del visore, spugne facciali aggiuntive… E sono previsti altri moduli come l’eye tracking o il tracciamento inside-out.

CONTRO

  • Alcune persone (anche se non io) che hanno partecipato alla demo hanno detto che il display del visore 8k sembrava poco luminoso. Data l’alternanza tra occhio destro e sinistro e i frame neri inseriti per rimuovere l’effetto ghost è comprensibile, ma le demo erano brevi e la stanza era luminosa, penso che dopo 5 minuti i vostri occhi si saranno adeguati. Personalmente ho trovato la luminosità perfettamente accettabile e l’ho riportato solo perché altri lo hanno menzionato.
  • La versione 2 delle loro lenti ha ancora qualche distorsione, a quanto pare verrà sistemato nella versione 3, ma abbiamo solo la loro parola su questo.

 

22 Commenti

  1. Che dire… grazie per la scimmia 😉
    Tralasciando completamente i visori M.R. presentati da microsoft, bramo con tutto me stesso informazioni sulle nuove generazioni dell’oculus e del vive, certo che se non fossero all’altezza delle aspettative sarà d’obbligo considerare sti pimax.

    • Penso che il Pimax vada considerato un passaggio intermedio, quel salto da Oculus e Vive che Oculus e Vive hanno preferito saltare. Quando annunceranno nuovi visori sicuramente saranno migliorie rispetto al Pimax, avranno un display OLED, sarà più performante, ecc… Ma sarà fra diverso tempo, prodotti del genere vengono annunciati, anche solo ufficiosamente, con un anno d’anticipo, e il fatto che al momento non dicano nulla fa capire che hanno altri piani. Basti vedere come se la prende comoda HTC anche solo per semplici accessori come i trackers o i knuckles, li mostra per tenere vivo l’hype ma poi sul mercato non escono se non dopo chissà quanti mesi. Probabilmente non considerano Pimax un concorrente ma solo un produttore di nicchia per appassionati, e non sono lontani dal vero se pensiamo che con il kickstarter piazzeranno non più di 3 o 4 mila pezzi, numeri che non impensieriscono di certo Oculus e Vive, che combinati hanno sicuramente superato il milione di pezzi e che sentono di avere del tempo davanti.

      • Ora mi sa che sono finiti i tempi degli annunci eccessivamente anticipati, se la generazione 2 uscisse ad aprile, annunciarla ora sarebbe un suicidio commerciale, vendite natalizie zero, per questo non mi aspetto molto dall’oculus connect 4 della prossima settimana.
        Certo però che sti pimax hanno 2 step evolutivi su tutto il lato visivo che è più o meno quello che si aspetta la gente, in pratica fan contenti sia quelli che vogliono un fov maggiore sia chi punta alla risoluzione.
        Gli Lcd sono il mio unico dubbio ma francamente oggi posso affermare che preferisco sacrificare il nero assoluto in cambio di una matrice rgb e toni scuri più puliti e sfumati.
        Nei prossimi anni ne vedrimo delle belle.

        • Sì, hai perfettamente ragione sul fatto che un annuncio in piena regola sarebbe deleterio se poi il visore non esce entro al massimo 3 mesi, ma di solito in queste cose anche in assenza di annunci ufficiali c’è sempre un rumor, un leak, invece questo silenzio è assordante, secondo me indica proprio l’assenza di un prodotto a breve termine. Sicuramente in laboratorio stanno provando da tempo soluzioni avanzate, ma non hanno fretta, perchè sanno che più tempo aspettano e migliore sarà il prodotto. Al momento non c’è un vero business sui visori, quello che interessa alle grosse case è creare un ecosistema, e quello si crea anche con visori di prima generazione. Si comportano un po’ come fa Apple da tempo, non sente l’urgenza di rincorrere il mercato, quando si sente realmente pronta esce con una versione premium di quelle tecnologie che gli altri hanno già da 6 mesi. Non so se ricordi il 3GS con il suo schermo 320×480 quando tutti gli altri smartphone concorrenti erano 600×800

          • Vero, spero tuttavia in qualcosa di nuovo nel 2018, ora la concorrenza inizia ad esserci, se da un lato htc e oculus hanno deciso di non farsi troppo la guerra a suon di annunci ed uscite hardware frenetiche oggi rischia di cambiare tutto, basta dire che oggi i due leader son quelli più scarsi a livello di risoluzione per muovere migliaia di commenti inutili da parte dei possibili nuovi acquirenti.
            Da che mondo e mondo la guerra dei numeri attecchisce un sacco sulle masse.
            Forse ora ci siamo con la diffusione di massa, sarebbe comunque un peccato se i due leader sparissero a causa della troppa concorrenza.

          • Io non faccio mai il tifo per l’hardware, la mia speranza è che rimanga una buona piattaforma software, standard, attorno alla quale ogni produttore costruirà la sua offerta. Potrebbe essere OpenVR, ma anche no, l’importante è arrivare ad un punto in cui lo stesso gioco possa essere utilizzato senza modifiche con decine di visori diversi.

      • Credi che quando il Pimax 8K uscirà varrà la pena vendere l’Oculus per acquistarlo?

        p.s.: utilizzo il visore solo ed esclusivamente per i simulatori di auto.

        • Sulla pagina kickstarter lo danno compatibile sia con steam vr che oculus home, sinceramente qualche dubbio ce l’ho.
          Se il supporto software si rivelasse all’altezza delle aspettative io lo considererei sicuramente.

          • “Pimax 8K VR is compatible with most of the VR content on the market, including PiHome, Steam VR, Oculus(via a third party tool)” ergo Revive usato tramite SteamVR, zero supporto ufficiale. Oculus a meno di drastiche inversioni di rotta sul suo marketing futuro non offrirà compatibilità a nessun altro hardware che non sia il suo.

          • Il supporto software è garantito che quello che dichiarano, perché usa SteamVR e la tecnologia del VIVE, dal punto di vista del software è un Vive, stesso tracciamento, stessi controller. Le demo le stanno facendo con normali titoli SteamVR. Riguardo ad Oculus Home sicuramente intendono tramite ReVive (dicono tramite software di terze parti, ma che io sappia c’è solo ReVive).

        • Lo sapremo quando uscirà se varrà la pena, sui simulatori mi viene però da fare queste considerazioni:

          PRO: la nitidezza è importantissima, io soffro molto quando nei simulatori di guida gli oggetti lontani sono gruppetti di pixel indistinti

          CONTRO: sono tra i software più pesanti da far girare, preparati ad almeno una 1080Ti per far girare Assetto Corsa su Pimax 8K

          • Non me lo dire, dopo aver preso l’oculus ho dovuto upgradare con un i7 e una 1080 ti e sono lo stesso con dettagli al minimo e antialiasing disattivato per avere fluidità (simCommander, che se non ricordo male usi anche tu per i bass shaker, credo levi un ulteriore 15% alla cpu).

            “la nitidezza è importantissima, io soffro molto quando nei simulatori di guida gli oggetti lontani sono gruppetti di pixel indistinti”

            Infatti, la scomparsa dell’effetto delle auto pixellose in lontananza e il campo visivo di 200° sono i 2 motivi principali per i quali potrei acquistare il primax 8k.

          • Però quando guidi un’auto da corsa hai il casco in testa, per cui il campo visivo è ridotto 😉

            Tutti quelli che hanno provato il Pimax dicono che una volta provati i 200° non si riesce più a tornare indietro, io mi fido, ma non è una delle cose che ho sempre sofferto di più quella del campo visivo, proprio perché ci sono situazioni nella realtà in cui si riduce senza problemi (moto, sci, sub, ecc… )

          • Spesso gareggio e ho gareggiato in pista, sia in moto che in auto;

            ti assicuro che se avessi l’oculus al posto del casco gli incidenti di gara sarebbero decisamente maggiori proprio perchè non riesci a vedere bene con la coda dell’occhio le auto affiancate.

            C’è da dire anche che l’oculus non lo stringo molto, quindi forse per me il campo visivo è ancora minore.

          • Anche stringendolo le informazioni visibili a schermo sarebbero le stesse, cambierebbe solo la sensazione del campo visivo, ma vedresti di fatto meno cose, perché le sposteresti dall’area visiva centrale. Diverso è invece il caso di un visore con 200° nativi, perché è il driver del visore che dichiara a SteamVR il campo visivo quando si connette, e la grafica viene calcolata di conseguenza.

          • Anche col casco integrale, il campo visivo laterale è più ampio degli attuali visori domestici e anche di parecchio. Ho faticato un po, ma ho trovato una immagine che schematizza il campo visivo di un casco normale contrapposto ad una serie di caschi Bell che vanta un FOV più esteso:

            https://www.btosports.com/moto-news/wp-content/uploads/2016/02/bell-pro-star-motorcycle-helmet.jpg

            Sicuramente è un passo nella direzione giusta, ma quando il passo sarà opportuno farlo e come compatibilità e prestazioni si comporteranno è presto per dirlo.

      • Ciao, sono trapelati dei rumor sul Vive Eclipse, non so dirti altro, magari tu hai modo di approfondire la cosa.
        I rumor non trapelano mai a caso è una forma di pubblicità bella e buona.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here