Il genere Battle Royale arriva anche sulla VR con Until None Remain

0

PlayerUnknown’s Battlegrounds, affettuosamente chiamato PUBG dai suoi giocatori, è diventato un fenomeno nel mondo dei videogiochi, stabilendo il record di giocatori contemporanei su Steam e portando alla ribalta il cosiddetto genere Battle Royale.

Nessun titolo in realtà virtuale (VR) ha fino ad ora affrontato pienamente questo genere, eppure esistono diversi shooter in prima persona che funzionano piuttosto bene e che potrebbero essere adatti a questa modalità di gioco.

Until None Remain, un titolo VR basato su Unreal Engine e sviluppato da D. W. S., tenta la scalata al successo in questa modalità di gioco con un rilascio su Steam in Early Access, supportando sia i visori Oculus Rift che HTC Vive.

Si tratta di un futuristico sparatutto multiplayer in prima persona in formato Battle Royale o anche detto Last Man Standing. Come nella tradizione per questi titoli si inizia a giocare tutti senza armi, le quali dovranno essere trovate nella mappa di gioco, comprese armature, jet pack o trappole. Si potranno scalare pareti o oggetti grazie a guanti magnetici, volare su un jet pack, qualora riusciste a trovarlo, interagendo con un ambiente che include torrette, contenitori esplosivi, gas nocivi e altro.

Come nei titoli analoghi il gameplay si svolge in un’ampia area di gioco che costringe i giocatori a spostarsi verso l’interno per raggiungere una zona sicura, al di fuori della quale il giocatore perde progressivamente la propria salute.

I match durano 15 minuti, sono state implementate 5 diverse opzioni di movimento e viene data la possibilità di scegliere la mano dominante per i mancini. In caso l’arena non abbia un numero sufficiente di player interverranno dei bot per coprire gli slot rimasti vuoti. Il sistema dei powerup premia i player che con coraggio affrontano l’esplorazione.

Until None Remain viene venduto ad un prezzo scontato del 40% durante la prima settimana d’uscita in Early Access, ovvero fino al 25 Ottobre.