I Expect You To Die supera il muro del milione di dollari

0

I Expect You To Die di Schell Games è l’ultimo gioco, in ordine di tempo, che è riuscito a raggiungere e superare l’ambito traguardo del milione di dollari in copie vendute.

Lo studio ha annunciato oggi la notizia, chiarendo che il fatturato è stato guadagnato grazie alle vendite su Oculus Rift, HTC Vive e PlayStation VR (PSVR). Il team ha anche rilasciato un nuovo video in mixed reality per celebrare la notizia, che potete vedere in anteprima di questo articolo.

il CEO di Schell Games Jesse Schell ha dichiarato che l’azienda è “molto soddisfatta” di quanto il gioco ha guadagnato finora. Schell ha affermato che le entrate serviranno a finanziare nuovi progetti VR. Il gioco è stato realizzato da un team di circa 20 sviluppatori.

I Expect You To Die è un puzzle game in cui impersonate un agente segreto a caccia di malefici nemici nelle loro segretissime basi, spesso trovandosi in mezzo a trappole mortali che richiedono pensiero ed azione veloci per uscirne vivi. Il gioco ha già ottenuto un grande successo di critica.

“Fin dall’inizio abbiamo cercato di non copiare generi di gioco già esistenti, ma di inventare un gioco originale che sfrutti al meglio ciò che la VR offre”, ha dichiarato Schell. “Ogni volta che appare una nuova piattaforma, le persone che hanno successo sono quelle che creano cose che sulle piattaforme precedenti non avrebbero potuto funzionare.”

All’inizio di questo mese Schell Games ha confermato che il gioco riceverà nuovi contenuti aggiuntivi.

Il gioco si aggiunge ad un elenco crescente di titoli VR noti per aver generato più di 1 milione di dollari, tra cui titoli del calibro di Job Simulator, Fantastic Contraption, Arizona Sunshine e Raw Data. La base di installazione dei visori VR è molto più bassa rispetto alle console di gioco e ai PC da gaming, molti sviluppatori vi ci sono buttati più per fare esperienza che per guadagnare, ma queste storie di successo dimostrano che il business in realtà è possibile.

I Expect You To Die fa anche parte di quei titoli di cui è già stata anticipata la prossima uscita sui nuovi visori di Microsoft per Windows 10. Schell ha affermato che il tracking e i controller dei visori Microsoft sono “abbastanza paragonabili” a quelli dei visori preesistenti.

Il team non ha però certo intenzione di fermarsi qui, Shell conferma infatti che stanno già lavorando ad altri titoli VR e AR, con circa 2/3 del personale impiegato su queste tecnologie.