Vader Immortal Episode I – recensione e video recensione (Oculus)

0

L’anno scorso Oculus è stata un po’ a guardare un mercato VR che spostava le sue esclusive più interessanti sul versante Playstation; quest’anno invece non ne vuole sapere di mollare e continua a sfornare titoli di gran rilievo. Uno degli ultimi e di cui già tanto si è parlato è senza dubbio Vader Immortal: Episode 1, primo capitolo di una trilogia ambientata nel mondo di Star Wars, esclusiva per Oculus Rift ed Oculus Quest.

Vader Immortal si colloca a metà strada tra il terzo ed il quarto episodio della saga cinematografica di George Lucas, e ci mette nei panni di un piccolo contrabbandiere che viene catturato proprio dall’iconico villain Darth Vader. Il nostro alter ego cercherà quindi di fuggire dalla nave delle forze imperiali, trovando non poche insidie durante il suo cammino.

La sceneggiatura di David S. Goyer, una delle penne peggiori di Hollywood, è qui piuttosto pacata e rispettosa dei ritmi di gioco, seppur non manchino molte ingenuità. Nonostante lo script non regali grandi gioie, lo stesso riesce miracolosamente a tenere alta l’attenzione, facendo giustamente focalizzare il giocatore più sulle azioni e l’interattività che sugli step narrativi che portano al poco convincente finale.
Sicuramente i fan più accaniti di Star Wars troveranno pane per i loro denti, ma l’operazione si rivela abbastanza inclusiva da risultare comprensibile per chiunque.

Attraverso un efficace free locomotion od un teleport accettabile ma che viaggia un po’ a rilento, ci addentreremo nei meandri di Mustafar, facendo la conoscenza di una buona quantità di comprimari che ci guideranno verso la tentata fuga. L’approccio di Vader Immortal è similare ad altri titoli di lancio di Oculus Quest, con azioni semplici ma perfettamente implementate, condite da alcuni momenti più intensi. Passeremo dunque dal “gestire” la nostra nave all’hack di porte ed ascensori; ci ritroveremo a scalare tubi pericolanti fino a combattere come forsennati a suon di spada laser.

Riguardo al combat system, il titolo di Oculus fa un buon lavoro senza arrivare all’eccellenza. Titoli come Until You Fall hanno dimostrato che è possibile rendere tecnico il combattimento all’arma bianca senza lasciare nulla al caso, mentre qui – nel suo essere un’esperienza guidata – la soddisfazione è data principalmente dal brandire una lightsaber.

Chiaramente essendo un’esperienza spiccatamente story driven, Vader Immortal non presenta mai momenti di gran libertà, e saremo sempre costretti ad agire in limiti molto severi, sia nella progressione che durante le azioni più specifiche. Non che sia un male, anzi, ma va specificato immediatamente che la trilogia VR di Star Wars vuole essere quel già esplorato punto di congiunzione tra videogioco e cinema, e come tale va approcciato. Chi si aspetta un’avventura da vivere in totale libertà rimarrà sicuramente deluso, ma chi è disposto a vivere un’esperienza magistralmente orchestrata, lasciandosi trascinare dalla bellezza delle ambientazioni e dall’immedesimazione della narrativa non potrà che uscirne con il sorriso sulle labbra.

Visivamente, almeno sull’ammiraglio PC di Oculus, Vader Immortal è tanto bello quanto furbo. Bello perché i modelli, le animazioni e le texture risultano quasi avanguardistiche, e grazie alla pulizia di Oculus Rift S faranno letteralmente piangere chi ha sempre sognato di esplorare l’immaginario di Star Wars; furbo perché i trucchetti utilizzati per pompare ossigeno al comparto tecnico sono evidenti. I due elementi più ovvi sono la dimensione risicata degli ambienti, che tuttavia rimangono costantemente collegati e senza alcun caricamento, e dei neri onnipresenti che vanno a nascondere ciò che non ci è utile vedere.

Sono problemucci ovvi, dati chiaramente dal voler portare il titolo anche su Oculus Quest, ma riescono miracolosamente a non stonare, risultando – anzi – particolarmente piacevoli nella coerenza stilistica del titolo.

In molti si sono lamentati di una longevità sotto la media, con una quarantina di minuti abbondati per chiudere l’avventura principale; ma al prezzo budget a cui viene venduto non mi sento di definirla un’esperienza rinunciataria. Oltretutto, una volta finita la campagna, verranno sbloccati una quarantina di livelli orda in cui affrontare droni e nemici con tutte le armi a nostra disposizione. Guadagnando stellette in questi livelli, otterremo oltretutto nuove spade laser, ambientazioni e citazioni dalla saga originale.
Insomma, per dieci euro Vader Immortal risulta un prodotto anzi piuttosto ricco, irrinunciabile per i fan di Star Wars ed estremamente appetibile per chi ama le esperienze guidate ma spettacolari.

Il primo episodio di Vader Immortal parte giustamente in prima, ma lo fa con una grazia ed un impianto scenografico da paura. Chiunque non senta la necessità fisica di esplorare ogni centimetro di mappa correndo in free locomotion per raggiungere le cinquanta ore di gioco saprà apprezzare quest’ultima uscita di Oculus, sia sul Rift che sul Quest; a maggior ragione i fan di una saga cinematografica fatta di alti e bassi, che raggiunge qui una vetta ancora nuova ed inesplorata.

Vader Immortal: Episode I è disponibile dal 20 Giugno 2019 su Oculus Store al prezzo di 9,99€, compatibile con Oculus Rift, Oculus Rift S ed Oculus Quest.