Drone Striker: recensione e video recensione

0

Altra uscita di Winking Entertainment, altro FPS per Playstation VR. Il publisher cinese sembra non fermarsi davanti a niente, correndo come un treno e continuando la sua strategia di produzione e pubblicazione di titoli VR esclusivi per l’headset di Sony. Dopo il recente Unearthing Mars 2, che nonostante alcuni problemi ci aveva stupito positivamente (qui la recensione), questa volta è il turno di Drone Striker, sviluppato dai loro connazionali User Joy.

Drone Striker è un FPS su binari come ne abbiamo visti molti: dotati di un Dualshock 4, un Playstation Move o un AIM Controller, il personaggio che impersoneremo si muoverà automaticamente attraverso tre diversi livelli, in cui dovremo uccidere dei robot alieni, muniti soltanto di un fucile d’assalto e qualche granata.
Su carta l’ultima pubblicazione di Winking sembra la solita solfa, ed effettivamente lo è.

Con la loro precedente pubblicazione abbiamo visto come sia possibile rinnovare un genere che ha già stancato a pochi anni dal suo arrivo in VR, aggiungendo elementi interessanti legati al locomotion, alla personalizzazione delle armi e all’approccio nel gunplay. Qui i ragazzi di User Joy decidono invece di fare un passo indietro, eliminando qualsiasi elemento di profondità e restituendo un FPS dotato di pochissimi elementi ma che, suo malgrado, non riesce ad eccellere nemmeno in quelli.

Il grosso problema di Drone Striker è che l’apporto del giocatore si limiterà al classico mira e spara, attraverso un sistema di shooting che a volte diverte soltanto grazie alla buona varietà di elementi a schermo. Non avremo la possibilità di cambiare arma, non avremo abilità speciali e non assisteremo a momenti particolarmente spettacolari per tutta la durata della breve avventura, che potrà essere oltretutto conclusa in poco più di un’ora.

Sul fronte del gunplay, Drone Striker propone un sistema efficace ma mai davvero eccellente. Muovendo il mirino verso un avversario, questo verrà agganciato e alla pressione del grilletto partirà sia un razzo teleguidato che una scarica di proiettili. Questo semplice sistema riesce a rendere gli scontri simpatici e meno noiosi rispetto ad un approccio più convenzionale, ma non basta a elevare un gameplay appena sufficiente verso i migliori esponenti del genere.

I livelli presenti sono tre e anche dal punto di vista stilistico non fanno gridare al miracolo. L’estetica risulta fin da subito piuttosto piatta e regala qualche momento interessante soltanto intorno alla fine della campagna, in cui comparirà un boss dall’impronta più personale ed il contesto ambientale si farà più suggestivo. Tuttavia l’impatto generale riesce a tenere il colpo rispetto al tipo di produzione, con una buona pulizia a schermo e un’ottima stabilità, nonostante la frenesia di alcune sezioni.

Gli elementi più interessanti di Drone Striker sono fondamentalmente due: gli scontri con i boss – che sebbene non brillino per originalità si mantengono sempre stimolanti – e la ricerca forsennata di power-up in giro per i livelli. Mentre percorriamo i tre ambienti principali, infatti, saranno piazzati in modo piuttosto strategico dei grossi cubi che contengono razzi, granate e HP; questo rende l’approccio agli scontri meno ovvio, poiché nonostante l’impostazione sia quella console a centottanta gradi, saremo costretti a guardarci costantemente intorno alla ricerca di obiettivi, nemici o bonus che siano.

Nonostante il prezzo budget a cui viene venduto si sposi dignitosamente con i contenuti offerti, Drone Striker è un titolo competente che ci aspetteremmo però soltanto sugli store mobile di Oculus Go o Gear VR. Viste alcune recenti uscite che rendono il genere del rail shooter qualcosa di più del classico mira e spara, AIM alla mano i giocatori Playstation si aspettano senza dubbio qualcosa di più. Da considerare in base alle proprie esigenze, specialmente se si cerca l’ennesimo titolo usa e getta compatibile con l’AIM.

Drone Striker è disponibile dal 17 Ottobre su Playstation Store, compatibile con PSVR, Playstation Move e AIM Controller.