L’anno scorso Bethesda Softworks ha rilasciato il ben accolto sparatutto in prima persona  (FPS) Prey, di Arkane Studios. Di recente l’azienda ha iniziato ad abbracciare la realtà virtuale  (VR), rilasciando nel 2017 titoli come The Elder Scrolls V: Skyrim VR e Doom VFR.

Durante l’Electronic Entertainment Expo (E3) 2018 l’azienda ha rivelato a sorpresa che Prey avrebbe ottenuto dei contenuti VR sotto forma di alcuni aggiornamenti. Il primo di questi aggiornamenti lo vedremo già la prossima settimana.

Gli aggiornamenti VR sono un’aggiunta al pacchetto DLC “Prey: Mooncrash”, arrivato durante la scorsa estate. Il primo sarà Typhon Hunter, un multiplayer. Non si tratta di un normale deathmatch a squadre, ma un giocatore impersonerà il protagonista principale, mentre fino a cinque altri giocatori si saranno le prede mutaforma.

Il loro più letale vantaggio sarà il potersi trasformarsi in quasi tutti gli oggetti, così da rimanere nascosti fino al momento opportuno. Naturalmente c’è un rovescio della medaglia, a disposizione avranno una sola vita. Lo scopo di questa modalità è, per i mimetici mutaforma, sopravvivere fino allo scadere del timer, mentre il giocatore principale dovrà ucciderli tutti entro lo stesso limite di tempo.

Typhon Hunter sarà rilasciato gratuitamente l’11 Dicembre in versione flat (non VR), per i giocatori di Prey in possesso del DLC Mooncrash, mentre la versione VR arriverà all’inizio del 2019

TranStar VR, invece, sarà già disponibile l’11 dicembre. Si tratta di una modalità escape room in single player, progettata esclusivamente per la VR, che chiederà ai giocatori di risolvere degli enigmi in alcuni dei luoghi più memorabili di Talos I. Mappe come Yellow Tulip, Sim Labs, e Morgan’s Office avranno ognuna una storia e obbiettivi unici.

Oltre alla modalità escape room, l’aggiornamento TranStar VR includerà il TranStar Museum, che permetterà ai giocatori di esaminare da vicino oggetti caratteristici del videogioco.