Apple Reality One: nuove indiscrezioni sul visore Apple

0

Oggi sono uscite nuove indiscrezioni sul visore Apple, previsto per il 2023.

Da rumour precedenti sappiamo che dispositivo probabilmente si chiamerà Apple Reality One, avrà un costo di oltre 3.000 dollari e non si proporrà per gaming, ma per un’esperienza mixed reality più generica.

I leak arrivano da MacRumours che li raccoglie da The Information, Bloomberg, Nikkei Asia e DigiTimes ed alcuni sono davvero tecnicamente esaltanti.

Come al solito le informazioni sono da prendere con le pinze, ma ecco cosa trapela.

Visore Apple: aspetti “wow”:

  • Il display rivolto verso l’esterno visualizzerà il volto per isolare meno l’utilizzatore (reverse passthrough). Questo tipo display prevede una frequenza di aggiornamento molto bassa per risparmiare batteria (tipo l’Always-On di Apple Watch o di iPhone Pro 14).
  • I display interni saranno due MicroOled realizzati da Sony con una risoluzione di 4k pixel l’uno.
  • Saranno presenti più di una dozzina di sensori per catturare occhi, espressioni facciali e movimenti del corpo: gambe incluse!
  • Monterà degli scanner LiDAR a corto e lungo raggio per mappare superfici e stanze.
  • Il FOV (campo visivo) sarà intorno ai 120 gradi.
  • Conterrà un chip ISP (image signal processor) dedicato per la correzione della distorsione dell’immagine catturata dalle videocamere esterne.
  • Si potranno aprire app iOS 2D direttamente nel visore.
  • Pur non rivolgendosi al gaming sembra che Apple consentirà a Unity di essere il suo partner principale per l’offerta gaming VR.
face passthrough
Esempio di reverse passthrough

Altre indiscrezioni:

  • Per ridurre il peso il visore sarà realizzato in alluminio e fibra di carbonio con la batteria esterna collegata con un cavo simile al MagSafe.
  • La batteria sembra non durare più di due ore, ma dovrebbe essere possibile sostituirla mentre si utilizza il visore.
  • Le videocamere saranno nascoste per un miglior risultato estetico.
  • È previsto un controllo tipo la Digital Crown di Apple Watch (ma senza haptic feedback) per passare tra ‘mondo virtuale’ e ‘mondo reale’.
  • Le head-strap saranno di due tipi: una rivolta ai consumatori, con materiale simile ai cinturini sportivi di Apple Watch con altoparlanti integrati, e una rivolta agli sviluppatori.
  • Sembra che la strap non sia sostituibile come si era vociferato in precedenza.
  • Il chip H2 consentirà la connessione a latenza ultra bassa con AirPods Pro 2 e i futuri auricolari.
  • Auricolari bluetooth di terze parti potrebbero causare latenza e non è previsto nessun jack audio. Apple sta anche ipotizzando di rendere obbligatorio l’uso delle AirPods per aumentare la privacy dell’utente.
  • Le lenti graduate saranno montate magneticamente.
  • Sarà presente una regolazione dell’IPD (distanza inter-pupillare) motorizzata.
  • I due chip presenti (SoC principale che include CPU, GPU e RAM e chip ISP) saranno realizzati con la tecnologia 5nm, per cui non beneficeranno della tecnologia 3nm dei chip Apple prevista per fine 2023.
  • Non sono previsti controller di gioco: il controllo del dispositivo avverrà attraverso hand tracking e controlli vocali.
  • Una delle sue funzionalità principali sarà la videoconferenza utilizzando avatar con occhi e viso animati da eye e face tracking.
  • Il tracciamento degli occhi sarà anche utilizzato (come su PlayStation VR2 o su Red Matter 2 per Quest Pro) per ridurre le risorse di calcolo necessarie senza compromettere la qualità di visione (ETFR, eye tracking foveated rendering).
  • Svilupperanno dei sistemi per ‘draggare’ dei modelli 3D da Mac e ‘dropparli’ sul visore per visualizzarli su superfici piane tipo un tavolo.
  • Sembra che l’idea del tracciamento specifico per sopracciglia e mascella sia stata abbandonata.

Mancano ancora molte informazioni per capire quali siano esattamente i casi d’uso del visore Apple, ma continuate a seguirci per conoscere le prossime news su questo dispositivo.