Oculus Quest 2: guida pratica all’acquisto

Suggerimenti su chi dovrebbe acquistarlo, fare l'upgrade o rimanere al proprio visore.

0

Sono passate circa un paio di settimane dall’annuncio di Oculus Quest 2 e sono già moltissimi gli utenti che hanno deciso di preordinarlo. Quello che serpeggia tra chi ha già effettuato l’ordine e chi ci sta pensando è un sentimento guidato dal dubbio: ho fatto bene? Dovrei acquistarlo? Conviene passare dal Rift, Rift S o altro visore PCVR a Oculus Quest 2? In questa guida pratica all’acquisto cercherò di rispondere a queste e altre domande e vedremo se passare al Quest 2 è effettivamente un upgrade.

Chi dovrebbe acquistare Oculus Quest 2?

Se sei nuovo al mondo del VR e non hai mai avuto un visore, se vuoi provare l’ebrezza di essere protagonista dei tuoi giochi preferiti, se non disponi di un PC performante in grado di eseguire i giochi che richiedono requisiti maggiori e soprattutto, se vuoi essere libero da ogni vincolo giocando senza cavi, Quest 2 è il visore che devi acquistare.

Dispone di uno schermo LCD in quasi 4K a un refresh rate a 72Hz che al momento del rilascio sul mercato dovrebbe già avere il pieno supporto ai 90Hz. In modalità stand alone, Quest 2 sfrutta un chip mobile di ultima generazione, il Qualcomm Snapdragon XR2 e 6 GB di ram.

Grazie a Oculus Link, un cavo studiato per spremere al massimo le capacità del Quest 2, può essere collegato a un PC, purché questo però sia in possesso dei requisiti minimi per eseguire i giochi. Qualora non disponi di un PC performante, puoi sempre contare sulla libreria di giochi pensati per essere giocati in stand alone, senza PC e senza cavi, alcuni dei quali sono ottimi porting delle già note versioni per Rift, come The Walking Dead Saints & Sinners, Phantom Cover Ops e molti altri sono in arrivo prossimamente, come The Climb 2. Oltre a questi titoli, puoi sfruttare le tante applicazioni social, come Horizon, un mondo interamente virtuale dove incontrare i tuoi amici e svolgere un’infinità di attività.

Rift, Quest o Rift S: perché passare a Quest 2 e perché no

Potresti essere tra quegli utenti che si trovano in una situazione di stallo, ossia, possiedi già un visore del quale conosci le potenzialità e sei attratto dall’idea di fare anche tu il preordine. In quale caso dovresti farlo e in quale caso ti suggerisco di rimanere al tuo “vecchio” visore.

Per gli utenti Quest

Conosci già le potenzialità e la libertà di movimento che può darti un visore stand alone ma se non lo hai mai collegato a un PC, conosci anche quali sono i suoi limiti. Ecco, Quest 2 da questo punto di vista non si differenzia affatto dal vecchio Quest: hai la stessa libertà ma al tempo stesso non disponi dell’intera libreria Oculus o SteamVR, a patto che tu non colleghi il visore a un PC tramite Link o wireless.

Tuttavia, la qualità grafica del Quest è largamente superiore nel nuovo arrivato, l’effetto screen door è ampiamente ridotto e la definizione delle immagini è diverse spanne al di sopra rispetto al suo predecessore. Il comfort è aumentato, anche se per questo aspetto non ci voleva molto. Il peso è ridotto, così come le dimensioni e questo è già sufficiente per prolungare la durata delle sessioni di gioco. Inoltre, il Quest 2 può essere acquistato con una fascia da testa elite che potrebbe dare lo stesso comfort della Halo Strap del Rift S.

Grafica migliorata, effetto screen door ridotto, stessa libertà di movimento, refresh rate da 72Hz fino a 90Hz, sono alcuni dei diversi motivi per cui vale la pena passare da Quest a Quest 2. Tuttavia, il fatto che il Quest non viene più prodotto, non vuol dire che se possiedi questo visore hai un dispositivo morto tra le mani. Il tuo visore continuerà a funzionare comunque e credo anche, a ricevere gli aggiornamenti, visto che usa lo stesso software.

Per gli utenti Rift S

Il riferimento migliore per avere l’idea di come appaiano le immagini all’interno del Quest 2 è sicuramente il Rift S. Questo visore infatti, nonostante la risoluzione più bassa, grazie al pannello LCD con un numero maggiore di subpixel, riesce a restituire un’immagine più nitida e dettagliata rispetto al Quest che vanta un pannello OLED con un risoluzione maggiore ma che risulta superiore solo per la resa dei neri.

Il Quest 2, graficamente parlando, è ciò che gli utenti Rift S vorrebbero vedere nei loro visori, perché se mentre dal punto di vista della qualità dell’immagine, il Quest 2 non fa avvertire quel salto generazionale che ci si aspetterebbe da un visore di nuova generazione e con un pannello in quasi 4K, la vera miglioria è invece sullo screen door, che nel Quest 2 risulta altamente ridotto rispetto al Rift S.

Di contro, il Rift S consente ancora sessioni di gioco senza interruzioni con tutti i giochi della libreria Oculus e SteamVR ma con il costante ingombro del cavo, al quale però ci si abitua con alcuni piccoli espedienti; un comfort finora ineguagliato da altri visori Oculus e perfino superiore rispetto ad altri brand; un refresh a 80Hz, contro i 72Hz iniziali del Quest 2; una qualità grafica praticamente identica e uno screen door purtroppo ancora evidente. Ovviamente il paragone in questione riguarda Rift S e Quest 2 + Link a un PC che rispetti i requisiti necessari per giocare.

In conclusione sugli utenti Rift S, il passaggio a Quest 2 andrebbe a migliorare lo screen door e la portabilità, piccole migliorie che, a parere mio, non valgono la spesa. Anche Rift S, seppur fuori produzione entro la primavera 2021, continuerà a funzionare come sempre e in caso di necessità, potrebbe ancora ricevere aggiornamenti lato software.

Per utenti Rift CV1

Se possiedi un Rift CV1, godi ancora di un tracciamento impeccabile grazie ai sensori esterni. Purtroppo sei ancora vincolato da cavi e necessiti ancora di un PC ma come per gli utenti Rift S, puoi accedere ancora all’intera libreria Oculus e SteamVR.

Tuttavia, nonostante il tuo visore disponga di due pannelli OLED a 90Hz di refresh rate, la differenza di grafica dal Quest 2 è maggiore di quella che c’è tra il tuo visore e il Rift S, grazie alla riduzione dell’effetto screen door.

Il tuo visore continua a funzionare alla grande ed è ancora in grado di farti vivere incredibili esperienze ma se desideri fare un salto di qualità dopo tanti anni, con una spesa tra le più basse mai richieste finora dal mercato VR, il passaggio al Quest 2 è l’occasione migliore, purché continui a sfruttarlo collegandolo al PC tramite Link.

Per utenti Valve Index

Dai, non scherziamo…

Hai trovato utile questa guida? Se vuoi vedere il paragone a video tra Quest, Quest 2 e Rift S, puoi guardare questo video, nel quale vengono fornite ulteriori informazioni. Attivate i sottotitoli per la lingua italiana.

Parliamone tra i commenti: sei nuovo al VR? Hai preordinato il Quest 2? O sei già in possesso di un altro visore?

_________________________________________________________________________

CERCHI UN VISORE?
Acquista oculus Quest 2 64gb
Acquista oculus Quest 2 256gb
Acquista oculus Rift S

Acquista oculus Quest

Acquista oculus Link

Acquista Vive Cosmos qui

Acquista Playstation VR

Acquista Playstation VR Mega Pack

________________________________________________________________________