Face Your Fears 2 – recensione e video recensione (Quest/Rift)

0

Giocato su Oculus Quest

Durante il primo anno di VR, Face Your Fears fece capolino sugli store di Facebook in esclusiva per Gear VR ed Oculus Go, arrivando solo successivamente su PC. Il prodotto di Turtle Rock Studios era un’esperienza breve ma terrificante; un po’ perché nessuno aveva ancora decodificato il linguaggio della realtà virtuale, ed un po’ perché la messa in scena risultava eccezionalmente efficace, nonostante si basasse prevalentemente sulla soluzione dei jumpscare. Con l’uscita di Oculus Quest, i ragazzi già autori di The Well e successivamente di Journey of the Gods, espandono l’idea originale, dando vita ad un horror story driven dall’impostazione molto diversa.

Se nel primo capitolo della saga dovevamo semplicemente guardarci intorno in balia degli eventi, in Face Your Fears 2 vivremo invece due avventure a movimento libero basate sostanzialmente sui puzzle ambientali, senza rinunciare – nemmeno per un secondo – a quei balzi sulla sedia a cui l’opera originale ci aveva abituato. Non ho avuto un lapsus, l’ultimo capitolo di Face Your Fears presenta al suo interno ben due avventure complete, della durata di circa un’ora l’uno, e che raccontano – a circa cinquant’anni di distanza – gli inquietanti avvenimenti di una casa stregata.

Nel primo capitolo, il nostro alter ego andrà alla ricerca della sorella scomparsa proprio nella suddetta abitazione, scoprendo un circo di morte e mostruosità che chiaramente non poteva aspettarsi. Se la narrativa, e soprattutto la direzione degli attori, risulta tutto sommato trascurabile e poco coerente, la varietà di situazioni ed elementi rende il racconto sufficientemente divertente, nonostante la grossa barriera d’ingresso del jumpscare. In Face Your Fears 2 assisteremo ad una sequela praticamente infinita di balzi sulla sedia, che non perdono di intensità nemmeno dopo averci fatto l’abitudine. Se da una parte la soluzione risulta oggettivamente facile e furbetta, dall’altra non posso negare l’efficacia di un’atmosfera tesa e condita soltanto da una manciata di cadute di stile; che predilige invece situazioni bizzarre e spesso inaspettate.

Nella seconda avventura, ambientata qualche decade prima e che spiega – in un certo senso – gli avvenimenti del capitolo precedente, dovremo invece recuperare il nostro compagno finito per sbaglio in un vortice spaziotemporale. Qui il titolo di Turtle Rock spinge ancora di più l’acceleratore sulla risoluzione degli enigmi, risultando sì in linea con l’episodio I, ma osando un po’ di più sul fronte delle meccaniche. È anche vero che questi tentativi di variare la formula finiscono ogni tanto nel trial & error più scemotto, ma le intenzioni sono buone e l’avventura risulta comunque piuttosto solida.

Gli spaventoni non sono comunque l’unica barriera d’ingresso. Per muoverci, in Face Your Fears, è richiesto necessariamente il movimento fluido che, sebbene lento e confortevole, potrebbe comunque non rivelarsi adatto a chi non riesce ad abituarsi ad altro che al teleport. Inoltre sono presenti alcune sezioni di arrampicata, gestiti – alla lontana – un po’ come in The Climb, e che alcuni potrebbero non tollerare. Attenzione, non è nulla di drammatico, ma l’impostazione è molto diversa dal primo capitolo della saga, e quindi tenete bene a mente la questione.

Visivamente Turtle Rock Studios decide di puntare su uno stile che ricorda il titolo precedente, lavorando di sottrazione per favorire la fruizione su Quest, che risulta a conti fatti poco distante dalla sua controparte su PC. Se su quest’ultimo avremo una definizione maggiore, la qualità delle texture e dell’illuminazione rimarrà pressoché invariata, facendo quindi preferire l’acquisto sul portatile di Oculus, soprattutto grazie alla rinnovata mobilità data dal wireless.

Sempre rimanendo in ambito visivo, Face Your Fears 2 presenta una buona direzione artistica, con scorci a volte un po’ poveri ma senza dubbio efficaci, affiancati da un sound design che alterna momenti agghiaccianti ed ispirati, ad altri un po’ piatti, gestiti un po’ con il pilota automatico.

Face Your Fears 2 è un horror contenuto che presenta un’alta dose di paura e terrore, inglobata in un’avventura ad alta dose di puzzle-solving e backtracking che potrebbe soddisfare i più. Parliamoci chiaro: nonostante le ambizioni non siamo dalle parti di Resident Evil 7, ma l’esclusiva Oculus punta tutto sulla varietà di inquietanti ed orribili situazioni, in cui tenderà ad immergervi letteralmente ogni cinque minuti. Se amate l’horror e non disdegnate un impianto orrorifico basato sostanzialmente sui jumpscare, Face Your Fears 2 vi divertirà per due ore abbondanti grazie al suo innegabile estro. Se, al contrario, al primo rumore alle spalle fate di tutto per non girarvi state molto attenti, l’horror di Turtle Rock Studio potrebbe letteralmente farvi venire un infarto.

Face Your Fear 2 è disponibile dal 21 Maggio 2019 su Oculus Store al prezzo di 19,99€, compatibile con Oculus Rift, Oculus Rift S ed Oculus Quest.