Blood & Truth – recensione e video recensione (PSVR)

0

Diciamoci la verità, di tutti i giochi e le esperienze che abbiamo provato in questi tre anni di Playstation VR, quel titoletto dentro a Playstation VR Worlds che porta il nome di London Heist è probabilmente quello che ci è rimasto più impresso, a prescindere dalle sue qualità intrinseche. La breve esperienza sviluppata da London Studio era un pulp movie interattivo di pregevole fattura tecnica, figlio illegittimo di The Getaway e di un Guy Ritchie primo periodo, capace di far immedesimare come pochi il giocatore. Sony ha ben pensato di prendere quel concept ed espanderlo, mettendo nelle mani dei ragazzi londinesi una nuova IP dallo stesso respiro. Il risultato è Blood & Truth, action caciarone e divertente che porta finalmente su PSVR un tipo di esperienza ambita da sempre.

Ryan Marks è un ex militare entrato oramai in congedo; una volta tornato in patria a causa della morte del padre, lui e la sua famiglia dovranno vedersela con un’organizzazione criminale che ambisce al monopolio della malavita londinese. Dritta e senza fronzoli, la trama di Blood & Truth scorre, non sempre senza intoppi, fino alla fine e si rifà chiaramente al gangster movie di stampo post-moderno, con incursioni nell’heist movie e nell’action più muscolare. Tanti cliché, tanta ironia non sempre al passo con i tempi ed una struttura più in linea con la serialità televisiva che al cinema di serie A, ma per essere il primo passo verso questo tipo specifico di produzioni poteva andare sicuramente peggio.

Se c’è un difetto oggettivo nello script del titolo di London Studio è una frammentarietà del racconto che tende ad arrugginire il ritmo, costringendo il giocatore ad assistere ad alcune cutscene poco interagibili di cui si sarebbe potuto fare serenamente a meno. La necessità di allungare il brodo viene chiaramente dalla volontà di restituire un’avventura dalla durata cospicua, ma l’operazione può dirsi riuscita solo in parte. Se le quattro ore abbondanti necessarie a concludere l’avventura possono risultare soddisfacenti in termini di tempo, un cut content di mezz’ora per mantenere un ritmo più sostenuto non avrebbe guastato.

Sul fronte del gameplay Blood & Truth è la naturale evoluzione di quanto visto in London Heist. Contrariamente a quanto visto nel titolo precedente, in quest’ultima esclusiva PSVR sarà possibile spostarsi attraverso un tipo di locomotion a nodi, con movimento fluido su binari, scelta ardita e potenzialmente poco inclusiva per un pubblico generalista. Non fraintendetemi, per quanto mi riguarda è una scelta estremamente azzeccata, soprattutto per un hardware come quello di Playstation 4, ma chi soffre di motion sickness potrebbe risentirne fisicamente.

Personalmente speravo da tempo immemore in un bell’action su binari super scriptato, capace di coinvolgermi con immediatezza e in grado di farmi sentire all’interno di un film di James Bond; Blood & Truth esaudisce in gran parte questo desiderio, e lo fa in maniera giustamente integralista.

Ryan Marks si muoverà in autonomia in più di un’occasione, sceglierà se stare accucciato o in piedi e in che direzione guardare, dal canto nostro potremo interagire con tutti gli oggetti che avremo di fronte e sparare all’impazzata senza preoccuparci di molto altro. Le azioni che il titolo ci pone di fronte sono moltissime e non si limitano all’eliminare tutti i nemici con il vasto armamentario che Blood & Truth propone: potremo scassinare porte, piazzare cariche esplosive, guidare droni, scalare e addirittura svapare, nel rispetto del politically correct. Per rendere varia l’esperienza London Studio ha pensato davvero a tutto, riempiendo gli scenari di attività secondarie frivole ma soddisfacenti per accumulo e dimostrando una consapevolezza del medium “realtà virtuale” fuori dal comune.

Chiaramente sparare sarà il punto centrale dell’avventura, e grazie ai due Playstation Move richiesti per accedere al titolo difficilmente troverete un’esperienza più soddisfacente da questo punto di vista. Le armi sono tante e il feeling è sempre ottimo, l’eccesso nelle coreografie rende tutto estremamente spettacolare e, quando l’accoppiata hip hop a tutto volume e slowmo si accende, non guarderete più Firewall nello stesso modo.

Dal punto di vista tecnico l’ottimizzazione hardware ottenuta da Sony risulta di altissimo livello. Come sempre tenendo conto dei limiti di PSVR, il titolo su Playstation 4 PRO fila come l’olio e risulta sempre pulito e veloce. Le ottime animazioni, la splendida atmosfera e la grande varietà di situazioni restituiscono sempre un colpo d’occhio che non può lasciare indifferenti. Rispetto a London Heist si è perso un filo di polishing sulle animazioni facciali e gli spazi chiusi risentono di un minimo di dettaglio in meno, ma data la portata del progetto è facile rendersi conto di quanto sarebbe stato difficile mantenere tale livello di cura per un’esperienza ben più lunga della precedente

Se c’è un difetto in termini di gameplay in Blood & Truth, è quello di imporsi come titolo esclusivamente da divano. È chiaro che la maggiorparte dell’utenza PSVR giochi comodamente seduta, ed è una scelta figlia dell’impostazione console che la periferica si porta dietro, ma è anche vero che sarebbe stata gradita un’opzione per giocare in piedi, vivendo in modo molto più coinvolgente l’azione.

Conclusa la campagna verranno sbloccati inoltre alcuni livelli bonus stile “tiro al bersaglio” e sarà possibile selezionare le strade non battute in quelle poche occasioni in cui ci sarà dato un margine di scelta sul percorso da seguire. Poca roba, ma fa piacere che ci sia.

Il prezzo di 39,99€, a conti fatti, risulta leggermente alto rispetto ai contenuti che il titolo offre, tuttavia negli extra è presente un sotto-menù che verrà sbloccato prossimamente e che speriamo offra nuove modalità che vadano a rimpolpare l’offerta.

Tolti i difetti sopracitati Blood & Truth è un titolo godibilissimo, che dona il meglio di sé nei momenti più scriptati e più tamarri, figli di un’estetica pulp con cui London Studio ha chiaramente confidenza. L’unico biglietto di ingresso è un’abitudine al movimento libero (comunque ammortizzabile con il comfort mode dalle opzioni) e una mentalità aperta nei confronti delle esperienze su binari. Non tutti i titoli devono avere la libertà d’azione di Skyrim, e infatti Blood & Truth dimostra che oggi quello che funziona di più su Console VR è esattamente opposto.

Blood & Truth è disponibile dal 28 Maggio 2019 al prezzo di 39,99€ su Playstation Store, compatibile con PSVR e Playstation Move.